Particolare della nascita della Vergine

Particolare della nascita della Vergine

Opposte alle storie della Maddalena, commissionate nel 1532, sono le storie della Vergine, dominate ancora una volta da una sibilla e dalla sua profezia. Leggendo la narrazione a partire dal registro superiore a sinistra, si vede subito la nascita della Vergine contestualizzata in una ricca abitazione cinquecentesca dove i tanti personaggi hanno ognuno una sua funzione di assistenza alla puerpera; sullo sfondo due piccoli episodi che completano la storia: sono i movimentati annunci della maternità a Sant’Anna e a San Gioachino.

La storia continua con il matrimonio di Maria e Giuseppe, di ispirazione raffaellesca, completato sullo sfondo dalla presentazione di Maria al tempio e in primo piano da una folla dinamica e colorata.

Particolare dell'adorazione dei pastori

Particolare dell’adorazione dei pastori

Nel registro inferiore, un’Annunciazione dentro un loggiato e una Visitazione fanno da preludio alla Natività con l’adorazione dei pastori, seguita dall’adorazione dei Magi. In entrambi i casi il centro della composizione è la Vergine, attorniata da angeli musicanti e rivolta al Bambino, che ha il volto accostato a quello di due puttini. Se l’adorazione dei pastori ha un aspetto più rustico, quela dei Magi è più nordica nello stile, con una folla di ricchi e appariscenti cavalieri attorniati da una folta servitù spesso deforme o esotica. Al centro della parete, Santa Caterina da Siena e San Nicola di Bari con due donne della famiglia committente Corradi da Lignana.

Le storie della Vergine culminano nella sua Assunzione, affrescata sulla parete frontale al pubblico.

Vai alla tappa successiva nella visita di San Cristoforo (l’affresco dell’Assunzione) Torna alla pagina principale su San Cristoforo