Il Museo Storico Etnografico della Bassa Valsesia di Romagnano Sesia si colloca in una elegante costruzione antonelliana, recuperata come in origine quando era occupata dall’attività vitivinicola della Premiata Fattoria Vinicola dei conti Caccia. Il percorso permette di approfondire la civiltà contadina delle Colline Novaresi e della Bassa Valsesia, a partire dalla ricostruzione degli ambienti della casa contadina, per arrivare alle botteghe e agli attrezzi dei diversi mestieri (la lavandaia e il ciabattino, l’arrotino e il materassaio, il cervellaio e il sellaio, il carradore e, naturalmente il bottaio).

L’argomento principale è ovviamente quello della produzione vitivinicola: nella cantina è allestito infatti un percorso sulla lavorazione del vino, elemento portante dell’economia agricola della zona, con bigonce, tini, botti, sgrappolatrici, tappatrici di bottiglie e alambicchi per la distillazione della grappa. Curiosa, una bottiglia di vino del 1866 prodotto proprio in Villa Caccia. Ci sono anche anfore da vino del II secolo d.C., testimonianza dell’antica vocazione vitivinicola del territorio. Nel salone d’ingresso, un enorme torchio, originale anche nella collocazione, viene spiegato, nelle sue parti e nel suo funzionamento, da una ricostruzione multimediale.

Completano la collezione, voluta da Fernanda Renolfi, Carlo Dionisotti e Maria Adriana Prolo (fondatrice anche del Museo Nazionale del Cinema di Torino), reperti sui lavori femminili, in particolare la tessitura, racconti dell’industria a Romagnano e della Sacra Rappresentazione del Venerdì Santo e una bella raccolta di giocattoli d’epoca.

Il museo è allestito nell’ala est di Villa Caccia, costruita da Alessandro Antonelli tra il 1942 e il 1948 su una piccola altura all’imbocco della Valsesia, quale residenza di villeggiatura dei conti Caccia di Romentino. La facciata in stile palladiano, la netta divisione tra area residenziale e area produttiva e il bianco della struttura nel verde del giardino rendono l’edificio una delle più belle residenze civili ottocentesche del Novarese.

  • Apertura domenica 14.30 – 18.30 oppure durante la settimana, solo su prenotazione per gruppi
  • Chiuso da novembre a marzo.
  • info@museostoricoromagnano.it