L’Enoteca Regionale del Monferrato è collocata all’interno del Castello dei Paleologi di Casale Monferrato, costruito nel 1352 da Giovanni II Paleologo Marchese di Monferrato per rafforzare le fortificazioni già esistenti, poi ampliato e trasformato in dimora da Guglielmo VIII Paleologo e Bonifacio V nel Quattrocento.

Quando la città passò nel 1559 ai Gonzaga di Mantova, il castello fu trasformato nuovamente in fortezza, con il rafforzamento dei fianchi, la costruzione delle torri e dei rivellini. Fino alla metà del XIX secolo il castello mantenne inalterata la struttura impostata dai Gonzaga. Dal 1856, poi, a causa della necessità di nuovi spazi urbani, iniziò la demolizione dei rivellini. Tuttora il castello, che ha pianta esagonale asimmetrica con torrioni angolari ed è circondato da un fossato, è in parte visitabile ed è diventato un contenitore culturale della città. Sul portone principale è collocato un bassorilievo marmoreo con le insegne gentilizie dei signori del Monferrato: Aleramo, Paleologi e Gonzaga. Degni di nota sono i cammini di ronda e gli spettacolari sotterranei dell’ala occidentale ricostruiti nel Settecento, entrambi visitabili.

Il castello ospita oggi l’Enoteca Regionale del Monferrato, dove c’è la possibilità di conoscere e assaggiare i vini pregiati del Monferrato e del Piemonte con altri prodotti gastronomici di qualità come dolci, riso, conserve e confetture. I vini sono selezionati da una commissione di esperti che li degusta a etichetta coperta. L’Enoteca é una struttura al servizio dei produttori e dei consumatori e per deontologia, come tutte le enoteche regionali, ha prezzi di vendita a livello di quelli praticati dai viticoltori per la vendita diretta in cantina. In ogni giorno di apertura viene proposta la degustazione al pubblico di alcuni vini selezionati (ticket di 1€). Per ristrutturazione degli ambienti l’enoteca riaprirà a gennaio 2015.