Il priorato cluniacense dei S.S. Pietro e Paolo di Castelletto Cervo è oggi composto da una chiesa, fondata presumibilmente tra l’VIII e il X secolo, ampliata poi come monastero cluniacense medievale e successivamente trasformata in chiesa barocca.

 

Il monastero e la chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Castelletto Cervo (Foto: G.P. Marchiori)

Il monastero e la chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Castelletto Cervo (Foto: G.P. Marchiori)

 

Di originario e unico nel suo genere, si può ancora oggi osservare il nartece diviso in cinque campate con volte a crociera. Dal 2009 il monastero è oggetto dello studio archeologico, architettonico e storico-artistico del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale.

 

La chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Castelletto Cervo

Vista dall’ingresso della chiesa dei Santi Pietro e Paolo

 

Il sito è entrato di recente a far parte del Grande Itinerario Culturale Europeo dei Siti Cluniacensi, a seguito dell’adesione alla Fédération Européenne des Sites Clunisiens.

 

Interno della chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Castelletto Cervo (Foto: G.P. Marchiori)

Interno della chiesa dei Santi Pietro e Paolo (Foto: G.P. Marchiori)

 

Nel cortile antistante la casa parrocchiale sorgeva un tempo il chiostro del monastero. Le sue fondazioni e alcuni pavimenti sono stati scavati tra il 2009 e il 2012: sono emerse quattro gallerie verosimilmente porticate che chiudevano sui lati uno spazio aperto, probabilmente un giardino, e definivano un quadrilatero a sud della chiesa. Alcune sepolture medievali sono emerse dalle gallerie nord e ovest: il chiostro era probabilmente destinato a luogo di sepoltura per i benefattori laici. Una delle tombe conteneva infatti uno sperone da cavaliere.

Ascolta la presentazione dell’ex Priorato Cluniacense di Castelletto Cervo realizzata a Giugno 2015

 

Spazi Medievali (Candelo, Gattinara ecc.), LogoIl contenuto di questa pagina è stato realizzato da Esplora&Gusta Media Team nell’ambito del Media Tour #spazimedievali, in collaborazione con Associazione Culturalmente di Biella.