Approvato nell’ambito del Programma europeo per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020 , “Big IoT” si pone l’obiettivo di far parlare fra loro le piattaforme di “Internet of Things”, un modo per ottimizzare l’uso delle risorse ed evitare di replicare il lavoro. A coordinare il tutto sarà la tedesca Siemens, che si avvarrà della collaborazione di altri 13 partner europei, fra cui anche il CSI Piemonte.

A collaudare la bontà del progetto saranno alcuni casi pilota, uno dei quali sarà proprio a Vercelli, individuato come uno dei Comuni dimostratori dei risultati dell’iniziativa. Verranno realizzati alcuni passaggi esemplificativi che permetteranno, per esempio, di suggerire il percorso con la migliore qualità dell’aria per i ciclisti cittadini o di indirizzare gli utenti verso le stazioni di bike sharing con più biciclette a disposizione. Non saranno dimenticati gli automobilisti ai quali verrà comunicata la disponibilità dei posti nei parcheggi, dando informazioni precise sul traffico e individuando percorsi origine-destinazione ottimizzati rispetto al traffico, alla qualità dell’aria e all’intermodalità.

«Si tratta di interventi – spiega il Sindaco di Vercelli Maura Forte – che ci aiuteranno a delineare la nostra identità di Smart City, aiutandoci a sperimentare nuovi servizi per i cittadini in modo non invasivo per le casse pubbliche, grazie ai fondi messi a disposizione a livello europeo per il progetto nel suo complesso».

«Big IoT si sposa perfettamente con altre analoghe iniziative che abbiamo già in corso – dice l’assessore Mario Cometti –  come per esempio il nostro progetto di Smart Lighting, posizionando i sensori sui nuovi pali della luce».

«Felicissimo – aggiunge l’assessore Remo Bassini – se la tecnologia ci permetterà di agevolare l’utilizzo della bicicletta e l’ottimizzazione dell’uso delle auto così da rendere un utile servizio per l’ambiente e la salute dei cittadini».

Iscriviti alla newsletter di Piemonte Orientale & Oltre

Ti invieremo al massimo tre messaggi al mese.

COMPILA IL MODULO